immagine immagine immagine
Piazza Papa Giovanni XXIII
CENTRALINO 0934 511200 FAX 0934 571588
e-mail: segreteria@comune.san-cataldo.cl.it
pec: segreteria@pec.comune.san-cataldo.cl.it

facebook

Chiesa Mercede


 

Ad unica navata è tra le più antiche chiese di San Cataldo.Non sarebbe sorta dov’è attualmente, bensì nei pressi di via San Nicola. Andata in rovina, fu ricostruita dove ora si trova e annessa al già esistente convento. Nel 1676 sia la chiesa, sia il convento, furono affidati ai padri mercedari. Ma in seguito alla legge che sopprimeva gli enti ecclesiastici, i mercedari dovettero lasciare il convento che, acquistato dal comune, venne adibito nel pianterreno a ufficio postale e nei piani superiori a scuola. Nel 1878 poiché il paese si espandeva sempre più e si dovette allungare il corso Vittorio Emanuele sino all’attuale edificio scolastico De Amicis, il Convento fu demolito, mentre la Chiesa rimase in piedi. Nel 1898, ad opera e per iniziativa di un monaco Sancataldese, Padre Michele Curto, fu iniziata la costruzione di un nuovo Convento dietro la Chiesa e lungo il nuovo tratto del Corso Vittorio Emanuele. Nel 1901, a costruzione ultimata, tornarono i padri Mercedari, che continuarono e tutt’ora continuano ad aver cura, oltre che della chiesa posta ad angolo tra Corso Vittorio Emanuele e Via Cavour, anche delle anime…a domicilio: hanno infatti installato una stazione radio, la quale consente a tutti i fedeli, impossibilitati a recarsi in chiesa, di seguire e di partecipare ai riti tradizionali. Questa chiesa, comunemente nota come il “Convento”, è dedicata alla Madonna della Mercede, così chiamata, perché San Pietro Nolasco, fondato un ordine religioso per la redenzione, propose di offrire i suoi frati come “mercede”, cioè riscatto in cambio della loro redenzione e fece protettrice dell’ordine la Madonna, che fu detta appunto della “Mercede”: è così spiegato anche il significato del vocabolo “Mercedari”. Di questa Madonna esiste nella chiesa una bellissima statua di legno, opera del Bagnasco. Vi si conservano anche sei quadri antichi (fine ‘600-primi ‘800), dipinti da un autore ignoto; pure di autore ignoto sono: il Bambinello e la statua di San Raimondo “Nonnato”, che qualcuno vorrebbe attribuire allo stesso Bagnasco. Di San Raimondo non si hanno notizie certe: Si sa che era Spagnolo, che nacque nel XII secolo e che morì a Cordova nel 1240; il suo soprannome “NONNATO”, pare gli sia stato dato, perché fu’ estratto dal grembo della madre, quando questa era già morta; quindi non era nato come normalmente si nasce.


 

    The Church of the Mercede

It is said to be the oldest church in San Cataldo and was erected on the ruins of a smaller church in 1607 by order of the Baron Nicolò Galletti and dedicated to St. Nicola, later it was transferred and rebuilt near a monastery. In 1676, both the church, and the monastery were entrusted to the Augustinian fathers, but two years later the Mercedare Fathers replaced them. Later, even the Mercedari Fathers were forced to leave both the monastery and the church to return in 1901 and today they still continue their apostolic teaching. The church commonly known as “the Monastery” is dedicated to the Madonna of the Mercede, so called by St. Pietro Nolasco, the founder of this religious Order. . In the church there is a magnificent statue of the Madonna of the Mercede by Bagnasco, six paintings (dated the beginning of 17th century end of 19th century), the Bambinello and the statue of St. Raimondo Nonnato (all works of anonymous artists).


 

    L’Eglise de la Mercede

Elle est parmi les églises les plus anciennes de San Cataldo. elle a été construite près d’un monastère. En 1676 l’église et le monastère ont été confiés  aux frères “mercedari”. Depuis 1901 les frères “mercedari” y ont fait definitivement  retour .
L’église est dédiée à la Sainte Vierge  de la “Mercede”, ainsi appelée par Saint Pierre Nolasco, le fondateur de l’ordre des “Mercedari”. Dans l’église il y a une statue magnifique de la Vierge de la “Mercede”, six tableaux qui date  du XVII siècle et du XIX, un Petit Enfant Jésus et une statue de Saint Raimondo Nonnato.

Torna Stampa i dati
famigliaPER IL CITTADINO
PER IL TURISTAPER IL TURISTA
scuolaDOCUMENTI
sportSport e Tempo libero
GiovaniGiovani
artistiARTISTI LOCALI
TTRADIZIONI
COOKIE POLICY
Copyright 2008 - Comune di San Cataldo
Tutti i diritti sono riservati - E' vietata la riproduzione anche parziale
Ris. Min. Cons. 1024x768 - Powered by TechMA with OpenVentiquattro Government Solutions
Visitatore n°