immagine immagine immagine

Piazza Papa Giovanni XXIII
CENTRALINO 0934 511200 FAX 0934 571588
per inviare e-mail al protocollo utilizzare:

protocollo@pec.comune.san-cataldo.cl.it

(SI ACCETTANO SOLO PEC)

facebook

15/05/2013

Gemellaggio con la Città di Cirò Marina 

Due comunità strette da un patto di amicizia, incontro e collaborazione, nel nome del «rapporto devozionale» verso il santo patrono Cataldo: è lo spirito con il quale, mercoledì 8 maggio, le città di San Cataldo e Cirò Marina (che pure commemora il vescovo irlandese il 10 maggio) hanno stipulato un gemellaggio. La speciale cerimonia si è svolta nel Comune della provincia di Crotone. A sottoscrivere l'atto, i sindaci delle due città, Roberto Siciliani ed il primo cittadino sancataldese, Francesco Raimondi. Oltre a quest'ultimo, la delegazione cittadina era composta dal presidente del Consiglio comunale, Cristoforo Amico, l'assessore alla Cultura, Giuseppe Anzalone, il consigliere Romeo Bonsignore, nonché dal comandante della Polizia municipale Angelo Intilla e i vigili urbani Salvatore Pinzino e Benedetto Foresta, i quali hanno scortato il gonfalone cittadino. Oltre alle autorità, alla cerimonia ha preso parte anche la cirotana Caterina Amodeo, in rappresentanza della "Congregazione di San Cataldo Vescovo", la quale è divenuta socia onoraria della "Confraternita di San Cataldo" in Sicilia, quale riconoscimento per l'apporto dato all'iniziativa.
Subito dopo, scambio dei doni: l'amministrazione sancataldese ha presentato due forme di pane, una riportante le spighe, simbolo della città, con la scritta «W San Cataldo» e la data del gemellaggio.
 Poi un'altra forma di grano duro, oltre a due quadri, dei libri sulle tradizioni e la storia cittadina e due gagliardetti con riprodotto il Gonfalone.
Dopo un breve intervento i due Sindaci hanno firmato il patto di gemellaggio, alla presenza di autorità civile e religiose e di molti cittadini.
La cerimonia è proseguita presso la Cattedrale dove è stata celebrata la santa messa al termine della quale hanno ripreso la parola i Sindaci delle due Città. In particolare il dott. Raimondi, sindaco di San Cataldo, dopo aver rivolto un saluto ai cittadini di Cirò, ha tenuto un discorso sui motivi e i valori del gemellaggio fra le due comunità.
Successivamente ha avuto luogo la suggestiva processione su barche, che si è protratta fino a tarda sera.
La cerimonia religiosa si è conclusa presso il santuario di San Cataldo, dove i sue Sindaci si sono recati insieme alle rappresentanze.
«Celebriamo la nascita di una nuova cittadinanza, fatta di rispetto e conoscenza degli altri - ha dichiarato il sindaco Raimondi -. Stiamo vivendo un giorno importante, perché stiamo per suggellare, con un giuramento di fratellanza, il gemellaggio tra le nostre due città.
Oggi, io, in rappresentanza dell’amministrazione municipale di San Cataldo, ed il mio stimato collega per quella di Cirò Marina, ci impegniamo in nome delle nostre comunità a costruire una relazione fondata sulla pace, la fraternità e la volontà congiunta di conoscerci meglio.
Il cammino che vogliamo intraprendere si basa su una sincera amicizia, che vogliamo consolidare sempre più, volendo costruire insieme una parte del futuro delle nostre comunità, che a loro volta si inseriscono nel mosaico di identità dell’Europa dei popoli, in un momento, quale quello attuale, in cui forte si avverte il bisogno di contribuire alla costruzione di un profondo senso di appartenenza ad una casa comune che deve affrontare le difficoltà e le insidie di un periodo di grave crisi economica e sociale.
Cirò Marina e San Cataldo si sono incontrate grazia alla comune devozione al Santo Cataldo, vescovo irlandese del VII secolo giunto in Italia e diventato vescovo di Taranto, dove morì l’8 marzo del 685.
Vogliamo creare una proficua collaborazione tra le nostre comunità, che favorisca relazioni permanenti non solo tra le amministrazioni dei nostri comuni ma soprattutto tra le rispettive popolazioni, al fine di assicurare una migliore comprensione reciproca e una cooperazione efficace e duratura”.
“Il nostro intento – ha proseguito il Sindaco - è quello di sostenere e incrementare vincoli culturali, turistici, sociali ed economici, per sviluppare la conoscenza reciproca, la solidarietà e la partecipazione di coloro che vivono e operano nelle nostre comunità.
Il gemellaggio tra le nostre cittadine deve essere vissuto con intensità dalle rispettive popolazioni, perché per crescere e svilupparsi necessita della loro convinzione e del loro entusiasmo. Questo nostro gemellaggio necessita soprattutto della capacità d’entusiasmo e della disponibilità dei nostri giovani. Soltanto in questo modo potrà protrarsi nel tempo.
A noi il compito di impegnarci affinché penetri il più profondamente possibile nelle nostre società.
Dobbiamo essere capaci di coinvolgere tutte le nostre realtà locali, le scuole, le associazioni, i comitati di quartiere, le parrocchie”.
“È con questo impegno – ha concluso il dott. Raimondi - che oggi noi siamo qui a celebrare l’unione delle nostre comunità. Dobbiamo lavorare affinché tra le nostre popolazioni si sviluppino fin da subito proficue relazioni. Abbiamo sicuramente tante idee e dobbiamo costruire e realizzare tanti progetti per far si che il gemellaggio tra Cirò Marina e San Cataldo cresca e metta radici nelle nostre comunità. Iniziamo insieme un nuovo cammino uniti nel segno dell’amicizia, della fratellanza e della solidarietà cristiana.
A Voi tutti porto il saluto e l’amicizia dei Sancataldesi”.
“Ogni storia nasce da un sogno  - ha dichiarato l’assessore Giuseppe Anzalone -. Dopo un anno di laboriosa preparazione, il sogno in cui ho fortemente creduto é diventato realtà! Sono orgoglioso, con tutta l'amministrazione, di aver dato lustro alla nostra città con un gemellaggio che ha avuto come protagonista il grande evangelizzatore Cataldo».
“Trasferirò all’intero Consiglio Comunale le emozioni che la devozione dei cittadini cirotani hanno verso il loro Patrono – ha dichiarato il Presidente del Consiglio Comunale Cristoforo Amico – Un gemellaggio che, sono certo, farà crescere nuovi vincoli di amicizia e cooperazione fra le due Città”.
“Sono rimasto particolarmente colpito dalla partecipazione di fede del popolo cirotano e delle zone limitrofe – ha dichiarato il consigliere comunale Romeo Bonsignore – e dall’ottima accoglienza e ospitalità del Sindaco Siciliani e dell’Amministrazione cirotana”.

 

Torna Stampa i dati
famigliaPER IL CITTADINO
PER IL TURISTAPER IL TURISTA
scuolaDOCUMENTI
sportSport e Tempo libero
GiovaniGiovani
artistiARTISTI LOCALI
TTRADIZIONI
COOKIE POLICY
Copyright 2008 - Comune di San Cataldo
Tutti i diritti sono riservati - E' vietata la riproduzione anche parziale
Ris. Min. Cons. 1024x768 - Powered by TechMA with OpenVentiquattro Government Solutions
Visitatore n°